Biografia



foto_scatizzi

In particolare... Sergio Scatizzi
Nato a Gragnano in provincia di Lucca il 20 ottobre 1918, trascorre la giovinezza in Valdinievole e nella campagna lucchese.
Giovanissimo, dopo un soggiorno di un anno a Napoli, si trasferisce a Roma.
Nel 1936 si accosta all'ambiente artistico romano, particolarmente attratto da Mafai e dalla Raphael.
Dopo un primo soggiorno a Parigi, nel 1938 ritorna a Montecatini in Valdinievole dove dipinge i suoi primi paesaggi; di quel tempo sono anche le prime nature morte di fiori ed alcuni ritratti ad acquerello.
Richiamato alle armi, conosce Giovanni Comisso, Filippo De Pisis e Giorgio Morandi.
Nel 1943 conosce Ardengo Soffici e, terminata la guerra si unisce al gruppo dei pittori pistoiesi ed espone in molte collettive a Pistoia e a Montecatini.
Nel 1948 altro viaggio a Parigi con Comisso ed altri amici, dove incontra nuovamente De Pisis.
Tiene la prima personale di soli paesaggi alla Libreria Ariel di Montecatini nel 1949 e l'anno successivo espone alla XXV Biennale di Venezia.
Intorno agli stessi anni inizia i suoi primi contatti con l'ambiente fiorentino dei pittori e dei letterati e, conosciuto Ottone Rosai, per molti anni frequenta il suo studio in via degli Artisti.
Nel 1957 espone per la prima volta a Roma alla galleria "La Medusa", presentato da Luigi Baldacci.
Da allora Il percorso artistico di Sergio Scatizzi è documentato dalle numerose mostre tenute nelle più importanti gallerie e dalla nutrita bibliografia.

Una critica su Sergio Scatizzi
"… L'interesse primario di Scatizzi è l'armonia della forma della composizione, la ricerca della bellezza nelle sue molteplici forme, la corrispondenza fra un pensiero, un moto dell'animo e la sua traduzione grafica e cromatica: il dar corpo all'anima. …." Alessandro Romanini

SERGIO SCATIZZI